umanità digitale

Umanità digitale

Si è concluso il mio primo anno di collaborazione con il blog #6memes di Maps Group.

Il tema di quest’anno, attorno al quale, con gli altri autori, si è sviluppato il ragionamento e l’analisi è stato “U-MANI Digitali”.

Il digitale infatti ormai fa parte delle nostre vite. Non possiamo più parlare di vita online e offline ma di vita onlife1. Questa nuova modalità non può quindi più essere affrontata con le vecchie lenti, necessita di un cambio di visuale e di lettura del mondo. Non è più possibile ostacolare o osteggiare questa nuova modalità di vivere la nostra umanità digitale ma è necessario com-prenderla.

Nella serie di articoli pubblicati per il blog ho declinato questi focus in 4 aspetti:

  1. Umanità & Digitale: la tecnologia e il linguaggio come calce e mattoni per costruire un nuovo mondo phygital2: un buon uso del digitale implica un buon uso della comunicazione che passa inevitabilmente dall’attenzione al linguaggio che si usa
  2. L’identità: un fatto personale, sociale o digitale?: un nuovo mondo implica un nuovo modo di essere e di gestire la propria identità che ne viene obbligatoriamente influenzata.
  3. Complessità del cambiamento: l’evoluzione va avanti, ma tramite una serie di stop & go.: il mondo phygital è un mondo complesso e solo con uno sguardo volto alla complessità può essere analizzato.
  4. Un digitale a misura d’Uomo e un uomo all’altezza del digitale?: dobbiamo passare da un’ottica passiva di fruitori di un servizio al richiedere, costruire un servizio che sia a misura d’uomo.

Questo percorso di riflessione è stato raccolto in un white paper di fine anno:

Un digitale a misura d’uomo e un uomo all’altezza del digitale: la complessità del cambiamento (per scaricarlo in formato pdf, cliccare sull’immagine in fondo all’articolo)

Ringrazio Maps Group e Natalia Robusti per l’opportunità. La riflessione congiunta e il confronto con il contributo di altri professionisti che portano le loro lenti di lettura è stata arricchente e vi consiglio la lettura di tutti gli articoli del blog per una versione più complessiva (e complessa) del fenomeno.

Buona lettura!


  1. La dimensione vitale, relazionale, sociale e comunicativa, lavorativa ed economica, vista come frutto di una continua interazione tra la realtà materiale e analogica e la realtà virtuale e interattivaLa dimensione vitale, relazionale, sociale e comunicativa, lavorativa ed economica, vista come frutto di una continua interazione tra la realtà materiale e analogica e la realtà virtuale e interattiva (Treccani)
  2. è un concetto che nasce nel 21° secolo e si riferisce nello specifico alla presenza della stessa persona sia nel mondo fisico che in quello digitale (Wikipedia)

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

The following two tabs change content below.

Sonia Bertinat

Psicologa Psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico. Da anni mi occupo di dipendenze da sostanza e comportamentali. In parallelo mi occupo di tematiche LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) e dell'impatto delle nuove tecnologie sulla vita intrapsichica e relazionale delle persone.

Ultimi post di Sonia Bertinat (vedi tutti)

Commenta con Facebook!

Comments 2

    1. Post
      Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.